Come pulire lo schermo di un tablet senza rischiare di rovinarlo

Foto dell'autore
Scritto da Patty Tiano

Il tablet è uno dei dispositivi più versatili di sempre che ci accompagna nella nostra quotidianità e ci consente di rimanere attivi e produttivi anche nei momenti in cui non possiamo utilizzare un tradizionale PC. Una cosa è sicura, l’uso costante del tablet porta inevitabilmente all’accumulo di sporco e impronte sullo schermo, che oltre a non farci vedere bene, possono anche influire in modo negativo sulle prestazioni del dispositivo.

Ecco perché abbiamo scelto di scrivere quest’articolo su come pulire un tablet senza rischiare di rovinarlo.

Prima di immergerci però, nel processo di pulizia del tablet, ci teniamo a sottolineare che un approccio poco delicato può causare danni e non benefici al dispositivo. In realtà, la pulizia del tablet non è poi così difficile, ma sicuramente richiede la giusta cura e attenzione. Un passaggio sbagliato, l’uso di prodotti non adatti o la mancata preparazione possono compromettere sia l’aspetto estetico che la funzionalità dello schermo.

Il processo di pulizia del tablet

La fase preparatoria nella pulizia del tablet è necessaria e molto spesso sottovalutata, ma è proprio qui che risiede il segreto per evitare danni. Il primo passo fondamentale è quello di scollegare il tablet da qualsiasi fonte di alimentazione, e grazie a questo gesto che possiamo prevenire rischi legati a cortocircuiti o altri problemi elettrici.

Poi, è necessario spegnere completamente il dispositivo per procedere con la pulizia. Se spegniamo il tablet, infatti, possiamo vedere meglio lo sporco e le impronte sullo schermo e soprattutto eliminare anche il rischio di interazioni involontarie con l’interfaccia durante la pulizia. Altro aspetto importante e da non dimenticare è la rimozione di cover, custodie e pellicole protettive.

Il tablet è un accessorio che può trattenere polvere e sporco sui bordi e intorno alle porte di ricarica o delle cuffie, quindi è importante rimuoverli così da effettuare una pulizia molto più approfondita. Se invece, ci accorgiamo che la pellicola è ancora in ottime condizioni e preferiamo non rimuoverla, allora dobbiamo ricordare che la pulizia riguarderà principalmente la pellicola stessa e non lo schermo.

Dopo aver terminato queste prime operazioni, il passaggio successivo è procurarci gli strumenti adatti per una pulizia efficace e approfondita, che ovviamente non rischi di rovinare lo schermo. Cosa ci serve? Un panno in microfibra è ottimo per eliminare la polvere e impronte senza graffiare la superficie. Se lo schermo è molto sporco, possiamo umidificare leggermente il panno con acqua distillata, evitando l’uso eccessivo di liquidi che potrebbero infiltrarsi e danneggiare i componenti interni. Infine, come prodotti ci conviene utilizzate detergenti specifici per dispostivi elettronici, spruzzandoli sempre sul panno e mai direttamente sullo schermo.