Il dentifricio, ecco come può aiutarvi nella pulizia delle superfici della cucina

Foto dell'autore
Scritto da Luca Petrone

Nel seguente articolo ci occuperemo di pulizia domestica, nello specifico di un prodotto che risulta essere incredibilmente utile per sgrassare, ed eliminare i batteri, da tutte le superfici metalliche presenti in cucina. Stiamo però parlando di un prodotto non convenzionale, o meglio , non nato per pulire le suddette superfici ma per scopi davvero differenti. Proseguiamo con l’articolo e scopriamo insieme di che prodotto sto parlando.

Il prodotto “magico” per pulire al meglio le superfici metalliche della cucina

Il piano cottura è spesso una delle superfici più esposte allo sporco e alle macchie in cucina, e pulirlo può essere una vera sfida. Gli oli, i grassi e i residui di cibo possono incrostare, diventare duri, rendendo la superficie opaca, poco igienica, e davvero difficile da pulire. Anche se solitamente si ricorre a prodotti specifici o a rimedi naturali come limone e aceto, spesso non si ottiene il risultato desiderato. Ecco dove entra in gioco un alleato davvero particolare, il dentifricio. Grazie alla sua composizione leggermente abrasiva, la pasta del dentifricio può rimuovere le macchie più ostinate senza danneggiare le superfici.

Per iniziare, puoi utilizzare una spugna umida per rimuovere i residui superficiali dal piano cottura, o dai “fuochi” della tua cucina. Quindi, applica una piccola quantità di dentifricio direttamente sulle macchie e lascialo agire per alcuni minuti. È importante utilizzare la parte più morbida della spugna per strofinare delicatamente, consentendo al dentifricio di agire efficacemente. Dopo un risciacquo finale, il tuo piano cottura sarà non solo pulito, ma anche luminoso e come nuovo.

dentifricio sullo spazzolino
dentifricio sullo spazzolino-George Becker-pexels.com

Alcune regole da seguire per ottenere dei risultati migliori

Per ottenere i migliori risultati nella pulizia del piano cottura, e delle altre superfici metalliche, con il dentifricio, è importante seguire una procedura ben precisa che mostriamo di seguito. Anzitutto  cruciale iniziare pulendo la superficie con una spugna umida, come detto in precedenza, per rimuovere lo sporco superficiale e “preparare il terreno” per la pulizia vera e propria. Dopo aver fatto ciò distribuisci una piccola quantità di dentifricio sulle aree più problematiche del piano cottura dove sono presenti macchie o residui incrostati. Lascia agire il dentifricio per 5-10 minuti, consentendo ai suoi agenti pulenti di penetrare e sciogliere le macchie, solo dopo aver atteso questo lasso di tempo potremo agire.

Utilizza la parte gialla della spugna per le superfici delicate e quella verde per le aree più resistenti. Strofina delicatamente con movimenti circolari per rimuovere lo sporco incrostato. Una volta completato lo strofinamento, risciacqua abbondantemente il piano cottura con acqua pulita utilizzando una spugna pulita o un panno. Successivamente, asciuga con un panno in microfibra per evitare aloni e lascia il piano cottura asciugare completamente.

Il dentifricio si dimostra un valido alleato anche nella pulizia di altre superfici in acciaio presenti in cucina, come il lavello. La sua efficacia si estende a tutti gli elementi in acciaio, offrendo una soluzione versatile per diverse esigenze di pulizia. Inoltre, questo metodo è ecologico, conveniente, semplice e pratico, riducendo la necessità di acquistare numerosi prodotti chimici aggressivi e contribuendo così a diminuire l’impronta ecologica domestica e a risparmiare denaro nel lungo periodo.