GPT4-Turbo, il nuovissimo modello di linguaggio per l’intelligenza artificiale Microsoft

Foto dell'autore
Scritto da Luca Petrone

Nel seguente articolo discuteremo di Copilot e del suo modello di linguaggio, il cosiddetto GPT4 Turbo. Il nostro obiettivo è mostrare ai lettori proprio il servizio messo a disposizione degli utenti di tutto il mondo da Microsoft, ma di cosa si tratta? Copilot è in realtà l’intelligenza artificiale prodotta proprio dal gruppo statunitense, e possiede caratteristiche, e funzioni,  simili a sistemi già presenti online.

Recentemente, c’è stato un significativo passaggio di consegne da GPT4 a GPT4-Turbo, che diventa il nuovo modello di linguaggio alla base della versione gratuita di Copilot.

Questo cambiamento segna un’ulteriore integrazione di Copilot nei vari servizi offerti da Microsoft che sta mirando a migliorare sempre più la propria intelligenza artificiale. Proseguiamo dunque con il mostrare ai lettori le principali caratteristiche dell’intelligenza artificiale di Microsoft.

GPT4-Turbo, parliamone insieme

Gli utenti che usufruiscono della versione gratuita di Copilot ora hanno accesso a GPT4-Turbo, il nuovo modello di linguaggio presentato da OpenAI lo scorso autunno. Questo modello è in grado di elaborare testi più lunghi, fino a 300 pagine per singolo prompt, e offre una maggiore comprensione delle richieste, avendo una base di conoscenza aggiornata fino ad aprile 2023. Gli utenti Pro, invece, hanno la possibilità di continuare a utilizzare il modello precedente, GPT4, attivando l’apposito selettore.

Il passaggio a GPT4-Turbo per la versione gratuita di Copilot non solo migliora le prestazioni per gli utenti, ma riduce anche i costi del servizio per l’azienda.

L’elaborazione delle attività AI lato server richiede risorse di calcolo significative, che comportano un aumento dei consumi energetici dell’infrastruttura. Passare a soluzioni più efficienti è quindi fondamentale per garantire una diffusione ampia e completa di soluzioni come Copilot, riducendo al contempo l’impatto ambientale legato al consumo di risorse energetiche. Sembrerebbe infatti che Microsoft sia riuscita in tale processo abbattendo di molto non solo il consumo delle suddette risorse energetiche, ma anche i propri costi per far funzionare il servizio.

esempio di una intelligenza artificiale
esempio di una intelligenza artificiale-Andrew Neel-pexels.com

La versione a pagamento di Copilot

GPT-4 Turbo è stato, grazie a questo abbattimento dei costi, reso disponibile per tutti in maniera gratuita. Nonostante ciò, va detto, la versione a pagamento, Copilot Pro, rimane la scelta ideale per coloro che desiderano sfruttare appieno le potenzialità dell’AI. Questo servizio, accessibile tramite abbonamento, offre accesso prioritario a Copilot in qualsiasi momento della giornata e fornisce servizi aggiuntivi, come l’uso di Copilot in alcune app Microsoft 365 e la possibilità di creare immagini con DALL-E 3 in formato orizzontale, con funzionalità avanzate per velocizzare la generazione dei contenuti rispetto al piano Free.

In breve, nonostante l’introduzione di GPT4-Turbo e le considerazioni economiche precedentemente menzionate, la versione gratuita di Copilot continuerà a offrire funzionalità più limitate rispetto alla versione a pagamento. Optare per Copilot Pro consente agli utenti di godere di un’esperienza più completa e di accedere a una gamma più ampia di strumenti e servizi, consentendo loro di massimizzare il loro potenziale creativo e produttivo con l’assistenza dell’AI. Nei prossimi mesi seguiranno sicuramente aggiornamenti relativi all’intelligenza artificiale di Microsoft.