I videogiochi si spostano su mobile: come i Gen Z stanno snobbando le console

Foto dell'autore
Scritto da Luca Petrone

Circa dagli anni 80′ ai giorni nostri, più o meno tutte le generazioni che si sono susseguite hanno avuto una console di riferimento, oppure banalmente quantomeno un computer su cui giocare. L’intrattenimento videoludico, tuttavia, sembra essersi spostato (in buona compagnia) su mobile: a rivelarlo sono gli ultimi sondaggi secondo i quali in particolare la Gen Z non abbia più interesse nell’acquistare una postazione apposita per il gioco.

E perché farlo, dopotutto, quando puoi ottenere la stessa soddisfazione utilizzando il tuo cellulare? Stando agli ultimi sopracitati sondaggi, circa l’86% dei membri della cosiddetta “Gen Z” utilizza i tanti dispositivi mobili a sua disposizione come piattaforme di gioco. La stessa indagine condotta sui consumatori mobile di età compresa tra i 18 e i 24 anni rivela che il 68% effettua acquisti tramite dispositivo mobile da una a quattro volte a settimana, un altro chiaro segno che testimonia come la Gen Z sia una generazione “mobile-first”.

La grande rivoluzione è iniziata circa 4 anni fa. Durante la pandemia di COVID-19 del 2020, il 66% dei giovani ha riferito di aver scaricato più app di gioco, rispetto al 59% dei Millennial e al 56% della Generazione X. I giochi preferiti della Generazione Z sono azione-avventura, giochi di ruolo e quelli che riguardano i puzzle/abbinamenti.

ragazza usa il cellulare
ragazza usa il cellulare-Tofros.com-pexels.com

Insomma, le buone vecchie console sembrano ormai un oggetto da collezione obsoleto. Magari qualcosa che manterrai sulla mensola a prendere polvere, e le grandi aziende lo sanno bene. Per questo, sempre più game developers scelgono di virare verso altre sponde più familiari ai giovani che tra pochi anni saranno i principali consumatori di tutti i mercati.

E come dargli torto, del resto? Per i cultori del gaming, PC in primis e console immediatamente dopo resteranno le opzioni preferite per il proprio intrattenimento videoludico, ma in un futuro neppure troppo distante potremmo forse acquistare telefonini o tablet in grado di sostenere giochi che ad oggi sembrano troppo pesanti anche per XBox o PS5. Il progresso non smette mai di sorprenderci, del resto!