Impatto del contenuto visivo: Ottimizzazione per SEO e Social Media Marketing

Foto dell'autore
Scritto da Luca Petrone

Avere un business nel mondo di oggi, una azienda, un brand, necessita ormai di una presenza online ben curata, che possa attrarre e mantenere il pubblico interessati nel concept che si propone. Al giorno d’oggi la figura di un consulente SEO esperto è sempre più importante, sopratutto se l’obiettivo è raggiungere risultati online in maniera organica.

Due elementi fondamentali delle strategie di marketing online sono sicuramente la SEO (Search Engine Optimization) che in italiano si traduce con “ottimizzazione dei motori di ricerca”, ed il Social Media Marketing, che sarebbe l’insieme di tutte le strategie di vendita e di promozione di un prodotto utilizzando le piattaforme dei social media e gli strumenti che questi offrono.

In particolare, in questo articolo, vogliamo analizzare l’importanza dei contenuti visivi nell’ambito della promozione online e come aumentare la loro visibilità tramite la SEO.

social media marketing-Kerde Severin- Pexels.com
social media marketing-Kerde Severin- Pexels.com

Reels e video brevi

Da qualche anno a questa parte, sembrerebbe che il contenuto visivo che va più di moda siano i video corti, che spesso non superano i 30 secondi. Questo tipo di format è sempre stato il prediletto dei social media, soprattutto il famoso Tik Tok che è letteralmente basato totalmente sulla successione di contenuto visivo breve e diretto. Col passare del tempo, però, la sua efficacia ha raggiunto anche altre piattaforme come Facebook ed Instagram.

Non solo, perfino YouTube, che ha sempre mantenuto l’aspettativa di offrire video e clip non limitati nella loro durata, ha dato vita a quelli comunemente chiamati “youtube shorts” (appunto, “corti”). Sembrerebbe che questo tipo di format sia quello che abbia fatto guadagnare popolarità a molti youtuber negli ultimi 3 anni.

Insomma, chiaramente, la società di oggi possiede una soglia dell’attenzione sempre più bassa, e questi reel e shorts sembrano essere la chiave vincente per raggiungere il maggior numero di visualizzazioni ed utenti. Aumentando le possibilità di incuriosire più persone possibili, aumentano anche le probabilità che almeno qualcuno interagisca con il contenuto esposto, (per esempio un link nella descrizione) per procedere ad un acquisto o anche solo per approfondire.

Questo processo è misurato dal CTR ( Click-Through Rate), che si traduce con “tasso dei click”. Grazie a questa formula, l’utente è in grado di vedere la percentuale nata dalla somma di visualizzazioni rispetto ai click sul link che veniva promosso. Per far sì che il CTR aumenti, bisogna capire cosa cerca il pubblico e come soddisfarlo. L’aumento del CTR fa sì che Google e le piattaforme social mettano in luce il tuo contenuto e lo facciano rientrare nell’algoritmo su larga scala. Dunque, il CTR è fondamentale, ma se volete fare in modo che i vostri contenuti siano sponsorizzati anche da Google o altri motori di ricerca, è anche importante che sia impostato per rispondere direttamente alle richieste del mercato di cui fa parte, così che possa essere suggerito come risposta a chi cerca prodotti o servizi simili a quelli che volete vendere voi.

L’importanza dei contenuti di immagini e video sul web

Secondo degli studi, tutti i post contenenti immagini e video sono molto più condivisi rispetto a post che presentano soltanto un testo. Dunque, è chiaro che se volete promuovere qualcosa, questi siano i mezzi più efficaci. I nostri consigli sono di prestare attenzione alla qualità e alla dimensione dell’immagine. Ogni piattaforma presenta degli standard diversi, ed in base a questi vanno creati i contenuti, così che l’immagine non risulti mai sgranata o tagliata in modo brusco.

Cercate di raccontare ciò che volete comunicare tramite l’utilizzo delle immagini ed usate un font che si combini bene. Sicuramente, se il testo viene presentato in modo accattivante e originale, verrà sempre letto. È importante anche che la parte scritta sia diretta e concisa. A volte aiuta usare anche giochi di parole o fare riferimenti a linguaggi iconici moderni e trend del momento come i “meme”. Come menzionato prima, abbiamo parlato dei reel e degli short. Questi sono fondamentali per raggiungere soprattutto un pubblico più giovane, che è anche la categoria di clienti che tende a comprare di più online.

campagne pubblicitarie-Georgie Morina-Pexels.com
campagne pubblicitarie-Georgie Morina-Pexels.com

 

Per far sì che questi reel catturino l’attenzione, è importante lavorare sul montaggio, assicurandosi che sia veloce, dai colori accesi e che stimoli l’utente costantemente, perché questo è l’unico modo per poter mantenere l’interesse del pubblico fino alla fine. Oltre a video brevi, un’altra forma di comunicazione che funziona molto sono le live stream, cioè un collegamento dal vivo di chi presenta un prodotto o rappresenta un brand. In queste occasioni, per far partecipare il pubblico, suggeriamo di fare dei Q&A (questions and answers), cioè rispondere alle domande del pubblico sul momento.

Questa strategia è molto utile anche per creare trasparenza e un rapporto di fiducia tra l’user e il venditore. La fiducia è sicuramente la chiave per mantenere il tuo pubblico e attirare nuovi clienti che verranno invogliati dal rapporto che avete instaurato con tante altre persone che, prima di loro, si sono trovati nei loro stessi panni e hanno trovato una soluzione soddisfacente nel vostro brand.