Pixel 8 Pro, analizziamo il fantastico prodotto di Google

Foto dell'autore
Scritto da Luca Petrone

Con Pixel 8 Pro, Google finalmente offre un’alternativa Android all’iPhone senza compromessi, come ha sempre promesso. Ancora più importante, questo telefono risolve tutti i problemi riscontrati nei suoi predecessori immediati, altrimenti eccellenti, come il Pixel 6 Pro e il Pixel 7 Pro. Nell’articolo successivo esamineremo da vicino questo nuovo prodotto di Google.

Il design del dispositivo

Nonostante il linguaggio di design attuale dei Pixel continui a suscitare controversie in alcuni ambienti, personalmente apprezzo la sua attrattiva, praticità e distintività. La barra della fotocamera estesa su tutto il corpo del Pixel 8 Pro lo rende unico rispetto agli altri smartphone, permettendogli di appoggiarsi piatto su superfici senza oscillazioni, tipiche degli array di fotocamere disposti in modo diverso da altri produttori. Questo design è stato ulteriormente migliorato in modo sottile ma significativo rispetto al suo debutto con il Pixel 6 Pro. Il Pixel 7 Pro ha introdotto una barra della fotocamera in metallo più pregiato e resistente, sostituendo la versione in plastica del predecessore, e ora il Pixel 8 Pro posiziona ogni lente all’interno dello stesso ritaglio ovale nero, creando uno stile visivo ancora più pulito.

Personalmente, trovo affascinante il design isolato della barra della fotocamera utilizzato da Google sul Pixel Fold e sarebbe interessante vederne una versione simile sul Pixel 9 Pro. Inoltre, Google ha optato nuovamente per un vetro opaco sul retro del dispositivo, rendendolo meno soggetto alle impronte digitali rispetto al Pixel 7 Pro, che presentava un vetro lucido. Anche in questo caso, è consigliabile utilizzare una custodia protettiva per evitare graffi e danni. È interessante notare che la custodia in policarbonato inclusa di serie da Google è ora più attraente e comoda da tenere, senza aggiungere eccessivo volume al telefono, integrandosi perfettamente con il design complessivo.

Google Pixel 8 pro nella versione azzurro cielo
Google Pixel 8 pro nella versione azzurro cielo-Amazon.it

Lo schermo del dispositivo

Come i suoi predecessori, il Pixel 8 Pro presenta un display OLED ad alta risoluzione da 6,7 pollici con proporzioni alte e sottili, una frequenza di aggiornamento elevata e colori intensi con neri profondi. Nel complesso offre l’aggiornamento ai Pixel che molti attendevano da anni: questo display è perfettamente piatto e privo dei lati curvi che spesso causavano errori nei modelli precedenti. Questa novità è stata accolta con entusiasmo da parte degli utenti, tanto che Google ha persino scelto di dare a questo display un nome simile al Super Retina Display di Apple, chiamandolo Super Actua.

Hardware e specifiche

Pixel 8 Pro è alimentato dal processore Google Tensor G3 di terza generazione, un design system-on-a-chip (SoC) a 64 bit che combina una CPU Arm Cortex a 9 core, una GPU Arm Mali-G715 e la terza generazione di Google Tensor Processing Unit (TPU) in un unico die utilizzando un processo di produzione Samsung da 4 nm. Come nei precedenti chipset Tensor, Google ha ottimizzato il G3 per l’intelligenza artificiale e l’efficienza, piuttosto che per le prestazioni grezze, il che significa che potrebbe non eccellere nei benchmark rispetto agli ultimi chipset Snapdragon e Apple. Tuttavia, nell’uso quotidiano, il dispositivo si comporta in modo impeccabile, offrendo una velocità di esecuzione fluida e senza intoppi, con una totale assenza di bug o rallentamenti.