Stai pensando di acquistare la tua prima casa? Approfitta del bonus INPS

Foto dell'autore
Scritto da Patty Tiano

Stai pensando di acquistare la tua prima casa? È il momento giusto per approfittare del nuovo bonus INPS, in questo articolo vedremo insieme di cosa si tratta.

È da tanto tempo che la maggior parte dei giovani si lamenta che non hanno un reddito sufficiente per aprire un mutuo, per colpa della retribuzione bassa del lavoro e dell’inflazione.

Se circa trent’anni fa, infatti, un persona di 30 anni poteva acquistare facilmente la propria prima casa, oggi non è più così, ci sono tanti trentenni in Italia che non possono permetterselo.

Inoltre, tempo fa gli immobili costavano molto meno e gli stipendi seppur medi erano proporzionati allo stile e ai costi della vita. Spesso capita che non si hanno proprio le basi per l’anticipo, oppure non si hanno delle garanzie economiche o lavorative solide, questo comporta la banca a non accettare il mutuo. Per fortuna, con il nuovo bonus INPS le cose sono migliorate.

Di che bonus si tratta

Per prima cosa diciamo che il Mutuo prima casa stanziato dall’INPS va a sostituire il precedente Mutuo INPDAP. Si tratta quindi, di un prestito garantito da un’ipoteca e serve per agevolare l’acquisto, la ristrutturazione o la costruzione della prima casa grazie a diverse agevolazioni. Questo bonus può essere richiesto anche per acquistare un box auto ed è molto flessibile perché se si ha un mutuo aperto con la banca, si può spostare direttamente all’INPS.

Attenzione! Il bonus INPS non può essere richiesto da tutti, ma solo dai dipendenti pubblici iscritti al Fondo per la Gestione Unitaria da almeno un anno, oppure bisogna essere pensionati. Un altro requisito importantissimo è il contratto a tempo indeterminato. In pratica è un bonus pensato appositamente per chi lavora nel pubblico. Nel prossimo paragrafo tutte le caratteristiche del bonus INPS.

Le caratteristiche del bonus

Chi vuole fare la richiesta per questo bonus non deve possedere altre abitazioni e deve acquistare un immobile semplice non di lusso, che sia appunto finalizzato a diventare la casa principale. Il bonus funziona in Italia.

Gli importi massimi concessi ovviamente cambiano in base al tipo di immobile: 300 mila euro per l’acquisto di un immobile di nuova costruzione da privati, cooperative o aste pubbliche; 150 mila euro per la ristrutturazione di un immobile già esistente; 75 mila per comprare o costruire un box auto; 100 mila per spese di iscrizione a corsi di studio. Inoltre, gli immobili devono essere assicurati contro i danni, come furto o incendio.

Infine, il mutuo può avere una durata dai 10 ai 30 anni, mentre al contrario il tempo di studio non può superare i 15 anni. La domanda per richiedere il bonus può essere compilata direttamente sul sito dell’INPS quando escono appunto i bandi. Il mutuo viene poi pagato attraverso rate mensili.